Monterchi, 28/29/30 Maggio 2010

Programma (visualizza folder con il programma)

Sabato 29 Maggio
ore 9,00
Visita guidata delle Delegazioni al centro storico di Sansepolcro e Anghiari
ore 16,00
Partenza del corteo composto dalle 16 Delegazioni del Mercatale, verso il centro storico di Monterchi con costumi folcloristici accompagnati dalla banda di Lama con Majorettes
dalle ore 18,00
“I Gladiatori”

Domenica 30 Maggio
ore 9,00
Presso Teatro Comunale Assemblea Provinciale UNPLI
ore 10,00
Pedalata sulle colline della Val Cerfone
ore 11,30
S. Messa presso la Chiesa di S. Simeone, celebrata da Don Giuseppe Branchesi Presidente Associazione Nazionale Polentari d’Italia
ore 13,00
Apertura stands gastronomici con degustazione gratuita delle polente tradizionali preparate dalle 16 Delegazioni provenienti da tutta Italia. Durante la manifestazione si esibiranno gli artisti di Strada e gli Sbandieratori di Sansepolcro
ore 18,00
Saluti di commiato e passaggio del testimone presso La Rocca per l’XI raduno a Villa d’Adige nel 2012

X° Raduno Nazionale Polentari d’italia

Questa grande manifestazione che il nostro paesino ha l’onore di ospitare è nata dalla volontà di W. Mita e di D. De Santis che sono riusciti ad unire l’Italia attraverso un piatto della tradizione contadina : LA POLENTA. La manifestazione è un’occasione di dialogo, di scambio, di amicizia che,ai nostri giorni, pare sempre più preziosa e necessaria. Il I° raduno nasce nel Maggio ’93 a Sermoneta, lì 13 paesi d’Italia portarono i profumi e i sapori delle rispettive polente fra le mura della cittadina laziale. Il concorso di folla fu imponente ed altrettanto avvenne nelle città che hanno ospitato la manifestazione negli anni successivi ( ogni 2 anni). Ora tocca a noi Monterchiesi organizzare il X° raduno da cui ci si aspetta un ulteriore trionfo della polenta. All’inizio di questi incontri si è costituita l’ASSOCIAZIONE NAZIONALE CULTURALE POLENTARI D’ITALIA nell’ormai lontano Maggio 1998, alla presenza di 13 comitati, oggi diventati 16.

Attraverso la polenta scopriamo un territorio. E’ questo il senso della manifestazione che vi presentiamo. Oltre alla storia, alla tradizione e alla convivialità, vogliamo che il nostro raduno diventi anche momento di promozione e di valorizzazione di un territorio. Oggi, come già sapete bene, gastronomia e territorio delineano una nuova frontiera del turismo, quello enogastronomico, che coinvolge un numero sempre maggiore di italiani e di appassionati stranieri. Con questa iniziativa cerchiamo di stimolare l’attenzione di tutti per promuovere la Valtiberina come prodotto turistico.
Secondo noi sono questo tipo di manifestazioni il terreno più adatto per allargare l’offerta turistica: non solo paesaggi,monumenti e affreschi di Piero,ma anche vita della gente, qualità del vivere e differenze culturali.
Le finalità della manifestazione sono quindi quelle della valorizzazione del territorio, della vita rurale nei suoi aspetti positivi di ieri e di oggi, nella conservazione del patrimonio culturale, della socializzazione tra campagna e città, dell’offerta sul mercato dei prodotti locali, dell’educazione dei giovani al gusto delle cose buone.

i
n
cc
oo
l
l
aa
bbbb
oooooo
rra
zz
i
Questa grande manifestazione che il nostro
paesino ha l’onore di ospitare è nata dalla volont�
di W. Mita e di D. De Santis che sono
riusciti ad unire l’Italia attraverso un piatto
della tradizione contadina : LA POLENTA. La
manifestazione è un’occasione di dialogo, di
scambio, di amicizia che,ai nostri giorni, pare
sempre più preziosa e necessaria. Il I° raduno
nasce nel Maggio ’93 a Sermoneta, lì 13 paesi
d’Italia portarono i profumi e i sapori delle
rispettive polente fra le mura della cittadina
laziale. Il concorso di folla fu imponente ed altrettanto
avvenne nelle città che hanno ospitato
la manifestazione negli anni successivi
( ogni 2 anni). Ora tocca a noi Monterchiesi
organizzare il X° raduno da cui ci si aspetta
un ulteriore trionfo della polenta. All’inizio di
questi incontri si è costituita l’ASSOCIAZIONE
NAZIONALE CULTURALE POLENTARI D’ITALIA
nello ormai lontano Maggio 1998, alla presenza
di 13 comitati, oggi diventati 16.